Love me in Liguria: Dolceacqua, il borgo dalle due anime

Love me in Liguria: Dolceacqua, il borgo dalle due anime

Innamorarsi in Liguria. Un itinerario dedicato alle coppie, alla scoperta dei posti più belli della regione dove vivere l’amore.

Così comincia il viaggio di alcune giovani coppie alla scoperta della Liguria, splendida terra dalle colline verdeggianti che si affacciano direttamente sul mare. Un’esperienza unica all’insegna del romanticismo, della tradizione culinaria locale e della bellezza mozzafiato di alcuni luoghi d’altri tempi. Tra paesini caratteristici, stradine di sasso dalle case in pietra colorate, piccoli porti sulle insenature della costa dove la luce si riflette sul mare e tipiche botteghe di artigianato artistico, i protagonisti della storia sono impazienti e felici di lasciarsi sedurre ed emozionare da una regione ricca di fascino, storia e cultura.

“Dai andiamo, sono pronta” mi dici. E io metto in moto la macchina…

Dolceacqua, costa ligure

«La prima fermata è Dolceacqua, perchè non ci torni da quel lontano giorno con tuo padre, quando hai attraversato il ponte seduta sopra le sue spalle, e ti sembrava di volare.

Avvolta nel tuo maglione grigio, sembri fluttuare tra le case di pietra, scalini infiniti che non muoiono mai, eterni compagni di lunghe strade sottili che corrono a perdifiato verso il castello dei Doria, sempre più su, sempre più in alto. Il bastione speronato, le vecchie prigioni sotterranee,gli ampi saloni dal sapore antico, le due torri quadrate che sorvegliano il portone come soldati: il castello ci ammalia e ci porta via, in un tempo in cui le promesse d’amore erano belle quanto te. I terrazzamenti di vigneti di Rossese camminano in equilibrio sui versanti delle montagne retrostanti, gareggiando con le piantagioni di ulivi poco più in là.

Da sopra la collina, le case sembrano scivolare a valle come una colata di lava, finché il fiume Nervia ne arresta improvvisamente la corsa. Ma loro temerarie non mollano e basta un ponte tutto curvo per farle ricominciare sull’altra sponda; due mondi uniti sopra le acque. Il verde delle colline alle nostre spalle rimbalza sui tuoi capelli corvini, e d’un tratto sei l’ennesima pennellata di colore di quel famoso quadro di Monet, che in Dolceacqua vide il riflesso della sua arte.»