Love me in Liguria: il golfo dei poeti

Love me in Liguria: il golfo dei poeti

Un’altra tappa dell’itinerario dedicato ai luoghi più romantici e suggestivi della Liguria: ecco i due giovani innamorati che sono giunti allo splendido Golfo dei Poeti.

“Nella luce aranciata del giorno morente, il Golfo Dei Poeti sembra risplendere di vita. La Spezia è una città figlia dell’imbrunire, l’oro, il rosso, il rosato del sole calante come un balsamo sulle strade calde di una giornata d’estate. Sazi dopo una cena di pesce al ritmo del mare poco lontano, ci godiamo gli ultimi attimi di brillantezza di Portovenere. La “palazzata” di case colorate punta come una freccia d’arco verso le mura dell’antico castello Doria, ora una passeggiata a picco sul mare tra le rocce sottostanti, macchiata a tratti da striature rosse. La spuma del mare rimbalza tutt’attorno, e non è difficile immaginare la Dea Venere che esce dalle acque, bella ed eterea come questa cittadina a cui diede il nome. Alla fine dello sperone, la chiesa gotica di San Pietro con il suo campanile, la facciata a righe bianche e nere come una zebra, mille tonalità di grigio che si perdono l’una nell’altra. Poco lontano, la boscosa isola Palmaria, un sogno di verde e blu. E poi ancora la grotta di Byron, la stessa libertà d’espressione, la stessa voglia di sorprendere del poeta romantico. “La visitiamo domani, te lo prometto.” In sottofondo, un’altra promessa, quella che la Liguria ci ha fatto all’inizio del nostro lungo viaggio, e che da fedele amante ha mantenuto fino alla fine; innamorarsi non sarebbe mai stato più bello di così.”

Il Golfo dei Poeti va dal Porto Venere a Lerici, due località splendide e suggestive della Riviera di Levante; al centro si trova La Spezia, città cuore del Golfo. Nel paesaggio si alternano piccoli borghi marinari, chiese, castelli medievali, spiagge di sabbia e case color pastello. Questa terra, al confine con la Toscana, è nota anche per essere stata amata e descritta da artisti, poeti e scrittori che si sono lasciati ispirare dal fascino ammaliante e impetuoso del luogo. Tra questi, il celebre Lord Byron, poeta maledetto, conosciuto anche come «il libertino, il giramondo inglese»: fu proprio lui che, all’inizio del XIX secolo, rappresentò la voglia di libertà e di ribellione di una nuova generazione di artisti.